Friday, April 20, 2018

movie night

Il film di ieri sera:

"Un protagonista gentile ma ingenuo, con una importante diversitá fisica e forti disturbi della socializzazione, esposto per la prima volta a interazioni umane si ritrova facile preda di disadattati sociali e dovrá scendere nell'abisso del disagio per ritrovare davvero sé stesso".









Pinocchio, sei piú tosto di Blade Runner!

E se ci pensate, metá dei film Disney ha la STESSA trama riportata poco sopra: il Gobbo di Notre Dame, Rapunzel, la Sirenetta, Nemo, Biancaneve...
 Anzi no, scusate, si é sbagliata. TUTTI i cartoni animati Disney hanno la stessa trama riportata poco sopra)


Alice Pinocchizzatrice

P.s.... Allo Gnomo sono quasi partite le coronarie durante la visione...

cucú!



Monday, April 16, 2018

Al di lá del muro

Sono a casa, durante una domenica pomeriggio pigra e oziosa, quando sentono grida rabbiose, insulti in francese, il rumore di qualcosa che sbatte...
Il Grinta, pettegolo e incuriosito, esce in giardino per capire cosa stia succedendo.
Tempo 5 secondi e fa capolino una scala, appoggiata al muro divisorio del loro giardino.
Altri 10 secondi e compare una chioma bianca che, come se nulla fosse, si mette a chiacchierare con il Grinta.

Perché é assolutamente normale fare capolino da un muro e parlare del piú e del meno...

Il Geppetto Strambo, dall'alto dei suoi pioli, travolge il Grinta con un monologo folle, spiegandogli nel mentre come mai stia a gridare per strada:
 "Son al terzo piano, davanti a voi, con i tulipani alla finestra... domani vi porto la menta, che ce l'ho sul balcone... la casa é di mio fratello, io avevo una cascina di 2000 metri quadri ma me l'ha rubata uno stronzo... ma non importa, quando sono stato in prigione ho imparato ad aver pazienza. Io sono una testa di mulo, ma sono buono eh... fino a quando non mi fanno arrabbiare... se quello lí non la smette di rubarmi il bidone dell'immondizia io gli tiro un colpo, gli tiro... bello l'ulivo che avete voi... ma il limone vi é morto. Eh, ha fatto freddo... ora vado due settimane in un appartamento bellissimo, grandissimo, tutto gratis! La volete la menta? Ho anche l'alloro, un alloro bellissimo, giú nel giardino... i muratori la scorsa settimana volevano tirarlo giú ma gli ho detto che se lo tirano giú poi li tiravo giú io a loro, come birilli! Quello é un albero che merita rispetto! Allora l'hanno lasciato... é buono l'alloro, lo usate in cucina?"

Dopo 20 minuti di chiacchiere del muretto il Geppetto Strambo se ne va.

Stamattina, mentre Alice era fuori nel giardino, esplode un BONJOUR! che fa tremare i vetri delle finestre: é Geppetto. Geppetto che dalla finestra del terzo piano tiene stretto un mazzetto di menta e di fiorellini e che grida ad Alice: "Vieni qui sotto che te li lancio! Si mangiano anche i fiori eh, sono buoni! Poi domani ti tiro l'alloro!".

Alice, che tanto lo sapete, é una calamita per i folli, si é appena assicurata ripetuti lanci di vegetali.




Alice mattizzatrice

Friday, April 13, 2018

Consigli di Self Defense

Lo Gnomo: "C'é Hulk, in classe, che ogni tanto nel giardino mi picchia"

Grinta: "Accipicchia, mi spiace, Gnomo... tu l'hai detto al maestro?"

Gnomo: "No, al maestro no... ma l'ho detto a Cipollina"

Grinta: "Chi é Cipollina?"

Gnomo: "La mia amica. É in classe con me...  ma lei ha 6 anni, é una dei grandi e mi dá consigli"

Grinta: "Gnomo, dovresti dirlo al maestro, sai?"

Gnomo: "Va bene. Ma faccio anche come dice Cipollina"

Grinta: "E Cipollina cosa ti consiglia?"

Gnomo: "Mi ha detto che la prossima volta che Hulk mi picchia io devo sbavarlo"

Grinta "..."

Gnomo: "Allora domani se mi picchia lo lecco. Non lo sputo eh, papà, che lo so che non si sputa... lo lecco solo"

Vi abbiamo presentato: Il Guerriero Giraffa.



Alice sbavatrice

P.s. La cosa buffa é che c'é un aneddoto passato alla storia con della bava e con un Grinta undicenne come protagonisti! Aneddoto che non condividerá qui (... ma mica per pudore eh! Tzé!  Semplicemente perché é bello da raccontate a voce osservando le facce del pubblico. Se la incontrate chiedeteglielo!)

Wednesday, April 11, 2018

Darwin in giardino

Pare stia davvero arrivando la primavera.

Il giardino é una distesa di moscerini, gli uccellini sono tornati al loro ristorante (Alice e lo Gnomo hanno appeso una mangiatoia per uccelli durante l'inverno) e nel prato é tutto uno spuntare di piante, fiori colorati, ciuffi verdi.

Alice e lo Gnomo si aggirano per il giardino come Darwin tra Capo Verde  le Galapagos... La verità é che non hanno la più pallida idea di cosa siano i vari vegetali che fanno capolino in giro.
Ci sono fiorellini viola, c'é un albero che é un'esplosione di giallo (e ora sta diventando verde?!), pennacchi di fiori colorati, cespugli che si ripopolano... Alice probabilmente dovrá passare settimane su google per capire chi diamine siano gli abitanti del giardino e tentare di non ucciderli tutti...

"Guarda mamma, questa pianta qui come si chiama?"
"non lo so, aspetta che controllo se punge o no... no, ok, la puoi accarezzare se vuoi..."
"Ma gli zucchini che abbiamo piantato?"
"Boh, non so Gnomo, qui non spunta nulla, manco un'ortica... forse dovremmo ripiantarli sai? Ho ancora dei semi..."
"Questa é una pianta di frrragola"
"Sí, bravo... ne abbiamo tipo 20mila... sarà normale? Sono ovunque..."
"E' una buona idea avere tante fragole. Così poi facciamo le torte di fragole, il gelato di fragole, lo yogurt di fragole..."
"Va bene, va bene... lasciamo le piantine di fragole vagabonde... guarda qui, questi sono gerani, vieni che li piantiamo che quelli di prima sono tutti deceduti... aspetta, tira, no, ruota, ops. Vabbé, ora abbiamo due piantine di geranio, non importa!"
"E questa?"
"Bah, questa secondo me é una gramigna..." dice Alice strappando via l'anonimo ciuffo verde
"Cos'é una gramigna?" chiede lo Gnomo mentre prende il ciuffo appena sradicato
"Una pianta infestante, una pianta che se cresce troppo non lascia spazio alle altre..."
"La ripianto qui"
"No, Gnomo, non va ripiantata, va buttata"
"Non si buttano le piante, mamma, questa sta bene, vedi? Non é secca. Non é deciduta. La metto qui così non ti da fastidio"
"Gnomo, le piante infestanti vanno tolte..."
"Guarda, ci penso io, controllo e vedrai che si comporta bene"

Se tra 3 mesi stanno in un campo di ortiche, rovi e edera rampicante la colpa sarà sua, del bambino che sussurrava alle Gramigne.

Quando Alice era piccina c'era  "Chi l'ha visto" ... lei ora qui vi presenta "Chi lo conosce?"

Se qualcuna di voi ha idea di cosa diamine siano queste robe si faccia avanti!

Alice Botanizzatrice


mistero numero 1

mistero numero 2

mistero numero 3

mistero numero 4

mistero numero 5

mistero numero 6 (con intruso)

mistero numero 7



Sunday, April 8, 2018

Lego, Freud, Liste

E' sabato mattina, sono le 9.20, ed Alice é al lavoro.
Giornata di equipe.
Giá la cosa di per sé é deprimente, che diamine, é sabato! La sera prima é rimasta fino alle 10 alla riunione con i genitori, ha le borse ikea sotto gli occhi, i capelli stropicciati e i vestiti della sera precedente visto che, causa scioperi e capricci delle metro parigine e dei treni, si é accampata a casa di Collega Amica a dormire.
Ha preso già 3 caffè, quindi inizia a vedere i contorni del mondo e al secondo croissant sente pure una brezza di ottimismo: massí in fondo, dai, é per una buona causa!
Lei poi ha pronte millemila robe su cui scassare i marroni e straziare il direttore:
 - ha fatto 4 diverse liste di libri, da 150 titoli ciascuna (libri in inglese per i 3/6 anni, libri in francese per i 3/6 anni, libri per i bambini della classe 6/9 in inglese, libri sul giardinaggio per tutti, libri su temi sociali a pioggia...)
- ha fatto una lista delle gite che vuole fare
- ha fatto una lista delle persone che vuole invitare nella classe per vari progetti e menate
- ha fatto una lista dei corsi di aggiornamento a cui vuole andare
- ha fatto una lista del materiale che le manca in classe e che vuole

Insomma, ha disboscato 3 metri cubi di amazzonia ed é pronta a discutere fino allo sfinimento pur di ottenere quel che vuole.

Quando arriva alla scuola, il direttore dice sorridente: "C'é una sorpresa!" . E in effetti c'é una tizia che dichiara di essere lí per gestire un laboratorio per migliorare lo spirito d'equipe (l'equipe della scuola é un bizzarro ammasso di matti, Alice inclusa).
Li mette seduti, ciascuno al proprio tavolino, davanti a loro un piatto di ceramica ed una borsa chiusa.
 La tizia, con voce dolce e fare posato da maestra di yoga dichiara: "Faremo 5 attività, che vi aiuteranno a conoscervi e a entrare in relazione"

Oook. Alice vorrebbe che qualcuno la aiutasse con le sue liste ma vabbè, facciamo sta roba new age e via... quanto voi che duri?!

"con i Lego"

Scusi?

 "Con i Lego"

Quanto tempo?

"3 ore"

Rumore da palla da bowling... é l'ottimismo di Alice che rotola via lontano.

E cosí, per 3 ore, passano il tempo a costruire robe e poi a fare l'analisi delle loro creazioni, con frasi del tipo: "Questo cubetto rosso rappresenta la mia passione" "Questo fiore qui é la potenzialità pedagogica che sento dentro di me..."  "questo cespuglio é il mio giardino segreto, invisibile agli occhi".

Con Alice che non sa se ridere o piangere.

Qui vi lascia una foto con una sua creazione. per dimostrare che tutto ciò é successo davvero e che lei, invece di parlare di pedagogia o di risorse e materiali questo sabato ha giocato con i Lego di Freud.

 La consegna era -  dopo aver costruito il coccodrillo sullo sfondo seguendo le istruzioni - "in un minuto, aggiungete qualcosa che dia energia, forza, che faccia evolvere alla vostra creazione"

Alice ha preso un pezzo tondo e ha dato al suo coccodrillo un bombolone alla crema da mangiare, che niente é meglio di una botta di zuccheri... poi gli ha fatto Pico Papero, che gli amici danno sempre una carica in piú.

Le sue liste sono a fare la polvere, in compenso ora tutti sanno che é una Yedi dei Lego, e che sa produrre robe tipo aeroplani e barche con un quantitativo minimo di mattoncini e a velocità supersonica. I vantaggi di uno Gnomo ossessionato dalle costruzioni.

Qui, infine, un video con Alice che torna a casa un po' frustrata e che spiega al Grinta l'importanza delle liste che ha creato...





Alice listizzatrice

Saturday, March 24, 2018

March for Our Lives

Oggi ci sono oltre 200 manifestazioni per le strade americane!

É bello sapere che, accanto all'America che continua ad nascondersi dietro al secondo emendamento, attaccata alle sue armi, rivendicando il diritto di ciascun cittadino a poter giocare a Rambo dal balcone ci sia anche un'America, giovane, numerosa, forte, che é determinata a dire BASTA.



Alice spera che Emma, Jaklyn, Cameron, David e Alex possano fare la differenza. 
Sono tosti, 'sti qui.
Ed oggi vorrebbe  davvero essere dall'altro lato dell'Oceano per poter marciare anche lei, portando lo Gnomo per mano, per fargli vedere che c'é speranza, e che magari, chissà, già il suo fratellino americano crescerà senza dover fare esercitazioni di lock down, senza dover imparare a restare sotto un banco, in silenzio, al buio, con il cuore in gola.

Alice marciatrice

Sunday, March 18, 2018

la posa della Cim'de Rapana

Visto che lo Yoga per Bambini is the New Black, anche alla Scuola di Maria dove lavora Alice, da due settimane viene una Yoghessa a far fare Yoga per bambini.
La Yoghessa si é anche offerta di formare, gratuitamente, gli educatori della scuola di Maria ed illuminarli sulle magie dello Yoga per Bambini.
L'altro pomeriggio Alice si é quindi ritrovata nel sottosuolo della scuola (unico posto disponibile) con un materassino Yoga, CollegaAmica, e la Yoghessa.
La Yoghessa ha quell'aria costantemente felice che hanno alcune Yoghesse, sorride tantissimo, parla con voce calda e vibrante come un attore di Hollywood e nel complesso mette Alice leggermente a disagio.
Quindi erano lí, con la Yoghessa che cercava di ricordare ad Alice che é un corpo mobile, e che doveva piegare lì, e distendere là, e sentire la rotazione laggiù... (Alice in realtà e un Pinocchio al primo stadio. Quel famoso ceppo di legno di Mastro Ciliegia, presente? Ma la Yoghessa non vuole arrendersi).
Ad in certo punto la tizia, mentre sta attorcigliata come un nodo marinaio, dice una roba del tipo: "Questa posa si chiama "bredodasánna".
Ora, Alice non ricorda con precisione il termine, ma ve lo giura, sembrava davvero il nome di un piatto tradizionale pugliese.
A quel punto fa l'errore imperdonabile di incrociare lo sguardo con CollegaAmica, pure lei italiana... ed anziché espirare dal naso cacci un nitrito asinino e si sgonfia in una risata incontrollabile. La Yoghessa non ha esattamente apprezzato.
A sua discolpa, lei aveva pure fame.