Monday, July 4, 2011

Anagrafelandia

Ad Anagrafelandia Alice regala 2 ore e 40 minuti.
(Il segreto sta nell'entrare ad Anagrafelandia e ricordarsi che il tempo non esiste, è solo un invenzione. Buttate gli orologi, orientatevi solo con la lunghezza delle ombre)
Alice entra, prende il numerino e davanti a lei ha 113 persone.
(Il segreto, come  in Matrix, sta nel ricordarsi che il cucchiaio non esiste, e che 'sti 113 sono solo un'illusione)
Alice respira e prova a visualizzare 113 persone.
(Piu' o meno i partecipanti della sagra del peperone, tutti riuniti lì. Tutti a far carte di identità, certificati di nascita, attestati di matrimonio. Una gran festa.)

I viaggi ad Anagrafelandia sono sempre una preziosa opportunità per fare studi antropologici e etologici. Che una fauna del genere non si vede tutti i giorni. Ed Alice è grata della preziosa opportunità culturale.

Ci sono le sciure che si raccontano l'ultima puntata di Mirabella.
E le beghine che si lamentano e sono arrabbiatissime con Dio perchè non sono ancora morte.
Madri esauste e accaldate con prole al seguito per la grande sfida Carta Bianca, che tentan di ammansire i figliuoli con merendine e succhi di frutta.
Straniere in cerca di documenti misteriosi, reduci da trafile burocratiche che Frodo al confronto doveva solo fare una passeggiata sul lungomare di Fregene.
Vecchietti sconclusionati che arrivano e hanno le fototessere con gli occhi chiusi, il cappello e magari pure le carte da briscola davanti alla faccia.
Una babele di accenti, dialetti, intonazioni, e tutti con il loro personalissimo repertorio di bestemmie e insulti.

E poi c'è lui.
Bello, giovane (troppo. Che Alice quasi sfiorava la pedofilia). Gentile, preparato, fico. Il Cavalier Servente del Banco Accettazione. Che parlava fluentemente italiano, albanese e rumeno. L'ha già detto che era fico? Che sapeva tutto e che non perdeva mai la pazienza. Che ammansiva gli irati e dava conforto ai disperati. Fico pure.
E allora Alice queste due ore e fischia non le ha passata mica male.
Che le nuove attrazioni di Anagrafelandia le son piaciute talmente tanto che prima di uscire, dopo quasi 3 ore di attesa, si è piazzata davanti ad un direttore perplesso e gli ha stretto la mano dicendo"bravi, che siete tutti gentili e preparati e simpatici".
Capace che il tipo pensasse lo stesse prendendo per il culo, invece lei serissima era.
Magari tra un paio di settimane fa a farsi un'altro giro.

Alice anagrafizzatrice

11 comments:

  1. quando il camoscio non c'è i bradipi ballano!

    ReplyDelete
  2. ah! improvvisamente c'è UN SAAAAAAAACCO di burocrazia da fare, eh! :D :D :D

    ReplyDelete
  3. Anvedi...quando manca il Grinta i topi ballano!

    ReplyDelete
  4. no ma io ti adoro ogni giorno di più... :D

    ReplyDelete
  5. Devo giusto rifare la carta di identità!!!!

    ReplyDelete
  6. ecco...perchè in posta non c'è mai l'omino dell'accoglienza super accogliente?!



    ad anagrafelandia si posson fare i bollettini postali?

    ReplyDelete
  7. Perché invece al mio ufficio anagrafe c'è uno che mi sta sulle palle ed è pure brutto?!? ;-) Che mondo ingiusto!!!

    ReplyDelete
  8. Nooo ed era vero??? Fortunella!!!

    ReplyDelete
  9. Elle :)
    Kino: dai, in fondo un certificato di esistenza fa comodo a tutti, no? :P

    Ada :) Ci si consola come si può, suvvia!
    Alga :D

    Cinzia: Io consiglio Anagrafelandia per tutti!
    SnimoR: fortunella!! :D
    Elisewin7: no, niente bollettini... ma se vuoi un paio di certificati di nascita...
    ImperfectWife: dai, non disperare, magari te hai un figaccione alle poste, o che ti aspetta nella sala d'attesa dfel medico della mutua!
    Soncosì: vero era. vero!

    ReplyDelete

edddaì, blatera un po' con me!