Thursday, August 4, 2016

due idiozie

Siamo ancora qui.
Tra discese ardite e risalite.
Con due idiozie da lasciare ai posteri.

1) L'unico terremoto nella valle Po della storia (nah, non è vero, a quanto pare pure nella terra della gianduia ci sono scossette...) si presenta mentre loro sono al ciabot, la cascina nei boschi, su per i bricchi, alle 22.30 di sera. Alice e il Grinta erano fuori dalla porta a godersi il fresco della sera (come due ottuagenari, i loro animali totemici). Alice ha fatto in tempo a correre in casa, fiondarsi nella camera da letto e prender su lo Gnomo addormentato con la goccia di muco al naso come un manga giapponese... Poi tutto ha smesso di tremare.  Si è ritrovata con lo Gnomo in braccio e un grosso "E adesso?". Ha riposato lo Gnomo ed è rimasta sveglia per il resto della notte... manco potesse sventare una ulteriore scossa grazie al potere delle occhiaie.
Razionalissima pure la reazione del Grinta: "Mah. Secondo me è il frigorifero".

La stessa sera, verso alle 3.00, una tempesta di fulmini si abbatte sempre sulla cascina nel bosco, Alice ha gli occhi a tazzina e si prepara alla fine del mondo.
La dichiarazione del Grinta dopo essere stato sbattuto giù dal letto a calci per andare a staccare il generatore principale: "Comunque tranquilla, ho googlato "Armageddon Pinerolo" e non viene fuori nulla. Siamo in una botte di ferro".

2) Nella casa della Mater, aka Nonnina, è arrivato lui.
Si chiama Vito Caccozzo.
E' un piccione dall'aria mal messa e pidocchiosa, flemmatico, con tendenze squatter, che tenta ad ogni ora di intrufolarsi in casa e farsi una passeggiata sotto il tavolo, una scacazzata sul divano, un tour sulle sedie. Se sorpreso se ne va CAMMINANDO, con l'aria annoiata e un passo che dice "eeehh... che esagerazioneeee".
La Nonnina ha armato lo Gnomo di due pistole ad acqua, e prima di andare a lavorare alla mattina le affida al suo guardiano di fiducia. Il John Wayne de noiartri da quasi una settimana va quindi in giro nudo e armato, esaltato, urlando "ti spruzzo, piccione!". I nostri pomeriggi passano così.



Mancano ancora 12 giorni allo sbarco in Ammeriga.
Alice sta come quelli a bordo piscina, che si devono tuffare e non ne hanno troppa voglia ma ormai sono stufi di aspettare.
Inspira. E Espira. E tra una roba e l'altra ci infila un pandistelle.

Alice idiotizzatrice







5 comments:

  1. Si può noleggiare il John Wayne de noaltri e trasformarlo in un Blade runner? Qui sotto il mio tetto si vedono cose piccionesche che voi umani.....

    ReplyDelete
  2. Ecco... quando si dicono le coincidenze.
    Prima ero a imitare James Stewart* ne "La finestra sul cortile" solo che invece di guardare nelle case altrui stavo guardando verso il Fenera (Piccola montagna che si erge in Valsesia, ex Vulcano dicono gli esperti) e sul balcone si è posata una gazza... un po' spelacchiata.
    Una parente alla lunga di Vito mi sa. ^_^

    *Lui era bloccato da una gamba rotta, io da una semplice distorsione al ginocchio, ma sempre bloccati in casa e con binocolo a disposizione. :-P

    ReplyDelete
    Replies
    1. Manca un pezzo: BirdWatching. :-P

      Delete
  3. Vito Caccozzo poteva essere un amico perfetto per Sandro Miciotti.

    E comunque, il Grinta e' da applauso a scena aperta!

    ReplyDelete
  4. Mitico Gnomo-Wayne! Dagli allo zozzone pennuto squatter!

    ---Alex

    ReplyDelete

edddaì, blatera un po' con me!