Friday, November 11, 2016

Strump

Alice ci sta impiegando un sacco a riprendersi da questa elezione.
Ci sta impiegando un sacco perchè, come tanti scemi come lei, non se l'aspettava.
Ha passato la notte a guardare, con le occhiaie e l'ansia, la lancetta del sito del New York Times che continuava a pendere, pendere pendere... e fino alla fine ha sperato in un miracolo (tipo:"Tzè, avranno sbagliato qualche algoritmo e gli si è impallato il programma..." "Magari non stanno inserendo i dati giusti..." "Magari è una candid camera?").

Ci sono un paio di motivi, per cui questo nuovo presidente le fa DAVVERO paura.
Uno, il meno grave è il fatto che sia un soggetto di quelli che la Disney avrebbe  scritturato ad occhi chiusi come cattivo scemo per il prossimo cartone animato.
Uno così è talmente assurdo che non lo si poteva manco inventare.
Che poi, in Italia ne abbiamo a millemila, pure di calibro più elevato eh... Ma per il politically correct americano è una roba inguardabile!
- Ha insultato la qualunque: donne, disabili, veterani, militari caduti, mussulmani, messicani... pure babbo natale, con quel suo devalutare i beni di consumo probabilmente gli sta sui marroni.
- Ha mentito.
Spudoratamente. Senza cambiare posizione, senza chiedere scusa MAI.
-Ha rubato! Che per gli americani è cosa inconcepibile e tabù! Manco le cartoline si rubano!
- Ha un'agenda di politica interna che pare l'arrivo dell'Apocalisse: morte al diritto di aborto, morte ad Obama Care (ciao ciao assicurazione sanitaria!), morte ai diritti delle coppie GLBT, morte alla salvaguardia dell'ambiente e all'energia pulita, deportazione, muri, fine delle città santuario (città in cui gli immigrati clandestini hanno il diritto di vivere purché non infrangano la legge... tipo New York, Austin texas, Chicago, Miami, San Francisco, Los Angeles...).
- Ha un'agenda di politica estera che pare Charlie Chaplin... Via dalla nato, fanculo a tutti, siamo i più fighi! Ed è ora di ricominciare i programmi nucleari, che diamine! Da quando in qua sta storia del disarmo?!
Insomma, è un soggetto non solo orrido, ma pure scemo e inaffidabile.

Il secondo motivo è più serio.
Il secondo motivo ha a che vedere non con Trump, ma con quel che sta dietro a Trump.
Perchè c'è, chiaramente, un'America arrabbiata, xenofoba e bigotta che in 8 anni di Obama ha stretto i denti ed è rimasta nell'ombra a ringhiare... e a cui ora hanno tolto la museruola. Che ora, con questo nuovo presidente che va in giro ad acchiappare le donne per la fregna e che promette deportazioni di massa di "Bad Hombres" si sente in diritto di mostrarsi di nuovo, anzi, di fare proprio la voce grossa.
Al mercoledì mattina c'erano genitori che non sapevano se mandare o meno il proprio figlio, nero o sudamericano, a scuola.
Al mercoledì mattina un'infinità di scuole, università, college si sono ritrovati a gestire episodi di razzismo che andavano da scritte sui muri adornate di svastica a gruppi di studenti che cantavano "more high more high!" (riferito al muro) o che intonavano :" Go back to your country!" verso qualsiasi minority incontrassero.

Un po' di tempo fa il Grinta passeggiava con lo Gnomo assieme ad un amico.
I tre stavano attraversando la strada tenendo il ragazzetto entrambi per mano, il Grinta portava lo zainetto di saetta McQueen, l'amico aveva il mini-monopattino sulla spalla.
Una macchina ha rallentato, tirato giù il finestrino e urlato: "You don't belong here!"
(Questo non è il vostro posto!)  per poi sgommare via.
Ci hanno impiegato almeno 2 minuti per capire che il tipo li aveva probabilmente scambiati per una coppia gay. A passeggio con il loro bambino. Di 3 anni. Ed ha ritenuto che fosse appropriato gridare, davanti ad un bambino, una roba del genere.
Ecco, quelli così, che prima magari si azzardavano a tirare fuori la testa dalla loro cava medioevale una volta all'anno, ora sono tutti a spasso, ringarzulliti e pieni di voglia di rivincita.
In un paese dove le armi le compri nello stesso negozio in cui compri le caramelle per la gola.
Che culo.

C'è solo una notizia positiva, in tutto questo.
Che poi è quello a cui Alice si aggrappa.
Che guardando i voti dei cittadini tra i 18 e i 25 anni, Hillary avrebbe vinto a piene mani. Non solo nelle grandi città, anche nel midwest, in mezzo ai campi e al freddo. Non vinto, stravinto.
E allora Alice spera. Spera nelle nuove generazioni affinché questo posto qui, in cui lei è di passaggio ma a cui lo Gnomo appartiene, sappia ritrovare presto il senso e il lume. E non perda quel che di buono ha costruito.

Alice infelice

27 comments:

  1. Aspettavo con anzia il tuo post... sapevo che dovevi riprenderti dal trauma!! Baci

    ReplyDelete
    Replies
    1. Che mazzata ragazzi... che mazzata!! Io spero che da voi con la Le Pen vada mejo, eh, che noi stiamo puntando a un ritorno in terra franca! ;)

      Delete
  2. Il tuo è il secondo post in cui leggo di questa ubriacatura dei trumpisti duri e puri che ora si sentono in diritto di esprimere il loro razzismo direttamente in faccia al prossimo. Avendo contatti diretti solo con la Silicon Valley non sapevo di ciò e venirne a conoscenza mi angoscia. L'Obamacare, poi, che era stato così faticosamente conquistato briciola per briciola, anche se a me pareva ancora poco, forse verrà vanificato in un batter d'occhio...un'ingiustizia assurda...

    ReplyDelete
    Replies
    1. La comunità nera, quella latina e quella mussulmana sono estremamente preoccupate... i toni usati da Trump durante la campagna erano agghiaccianti ed ora, indipendentemente poi dalla realizzazione o meno del suo programma, è pieno di gente che fa da eco a quella rabbia e a quel razzismo... nomi e cognomi di studenti neri raccolti in liste su Facebook intitolate Negri da Linciare, attacchi isolati a donne e ragazze con il velo... scritte, messaggi, macchine e proprietà di neri e omosessuali ricoperte di insulti e minacce... è una roba senza senso.

      Delete
  3. Soprattutto il punto due, soprattutto. Credo che in Italia proprio non si riesca a concepire questo clima e questa legittimizzazione, feroce, del razzismo profondo che sopiva da anni.

    Questo articolo riassume bene:
    http://www.internazionale.it/opinione/adam-shatz/2016/11/11/trump-vittoria-bianchi

    ReplyDelete
  4. Le nuove generazioni ahimè da che diritto di voto è diritto di voto, pendono per il sociale e per lo stato di diritto, poi non si sa perché si dimostrano "vino novello" non reggono all'invecchiamento, si guastano. Ma spero tanto di sbagliare

    ReplyDelete
    Replies
    1. Si, anche Adblues più sotto diceva lo stesso... io però ci spero uguale! IN questo gioco di ritorni e rigurgiti, confido che tra 4 anni ci sia abbastanza lucidità e esasperazione per togliere la retromarcia e ricominciare ad andare avanti! ;)

      Delete
  5. This comment has been removed by a blog administrator.

    ReplyDelete
    Replies
    1. che brutta cosa dare della racchia a una persona...

      Delete
    2. Io? Ma dove vivi ? Qui in Italia ci fanno vignette striscia la notizia, ne ha fatti di sketch mica glielo ho presentata io ? Per me una vale l altra, OK la non bellissima moglie del premier che Lui non si porta mai dietro perché si vergogna ti piace cosi?

      Delete
    3. E poi si fottono più di 30 000 euro a cranio al mese di soldi pubblici si è ma Racchia almeno andasse a spenderli dal chirurgo , la bellezza e lo sfottò sono stronzate, ma un miliardo di finanziamento a Pompei speso in installazioni del menga che saranno costati meno di un terzo questo ti dovrebbe sembrare una brutta cosa, chi fotte denaro pubblico no chi li piglia per il culo. Più convinta che mai è una racchiona e si merita tutte le corna

      Delete
    4. Micky sei parente di Terry de Nicolò, confessa

      Delete
    5. Che c entra scusa si da il caso che i soldi li ho e non ho bisogno di prostituirmi per farli, io sono contro donne come Hillary che si tengono le Corna o come la signora Renzi che passerebbe sopra chiunque pur di tenersi corna e pirla, forse tu sei Terry e impara a fare interventi

      Delete
    6. Micky.
      Perdona il commento un po' lungo ma non è giornata.

      Un paio di cose.

      Alice qui sopra, che ha risposto per prima al tuo commento, abita in Inghilterra. Ma non è questo il punto. Il punto è che, come dici tu, poiché striscia la notizia si permette di insultare una donna per il suo aspetto, tu ti senti autorizzata a farlo e a ripeterlo. Qui. Sul mio blog. Il punto è che lo sappiamo tutti, che in Italia il concetto di politically correct è inesistente, e che è considerato divertente e cameratesco fissare le tette delle donne, commentare su culi, poppe e racchie... ciò non toglie che è, per me come per altri lettori e lettrici in questo posto, un atteggiamento che FA SCHIFO.
      Che denigra le donne, che non fa onore al sesso maschile, che dimostra la piccolezza intellettuale delle persone.
      Sei libera di continuare a pensare quel che vuoi, e di aprire pure una raccolta firme per richiedere la plastica facciale obbligatoria a figure politiche e di rilievo che tu consideri un roito.
      Non sorprenderti però se c'è gente, come Alice, o come me, che ritiene questo modo di vedere il mondo molto limitato.

      Più in generale, ti chiedo di moderare i toni per favore. Soprattutto quando parli non con me (che qui sto a casa e se vuoi gridarmi addosso fai pure) ma con altri visitatori, come nel caso di Amanda. Non scrivere robe come "impara a fare interventi" a gente che passa da qui e decide di prendere/perdere tempo a commentare.
      Queso blog vive da quasi 10 anni. In 10 anni non ci sono mai stati insulti, ed è sempre stato un luogo in cui persone anche con idee molto diverse si sono confrontate e ascoltate, con ironia e con educazione. Non ho mai bloccato nessuno, non ho mai cancellato un commento. Aiutami per cortesia a far sì che continui così.
      Se vuoi continuare questa conversazione, perchè hai piacere di spiegarti o ti sembra che ti abbia fraintesa, contattami in privato.

      In riferimento al tuo primo commento, questa è la mia risposta:
      Mi spiace molto che tua cugina viva convinta di abitare nella Dittatura delle Checche, e lo trovo davvero ai confini con la realtà. Mi riempie di tristezza il fatto che tu abbia preso UN evento (riassumibile in: abbiamo visitato gli USA, mio figlio non conosceva il senso dello spazio e della privacy AMERICANO, e un signore si è arrabbiato con lui) e te ci abbia messo invece sopra l'etichetta "ecco, questo è un omosessuale".

      Poi, qui stiamo a sgranocchiare noccioline e raccontare cazzate, quindi sei libera di venire e continuare a raccontarci le tue (trovo sempre illuminate e intrigante dal punto di vista antropologico e sociologico i tuoi astrusi commenti, mi spiacerebbe perdere uno specimen di commentatrice come il tuo).
      Tieni in considerazione che questo blog e la sua autrice sono ferventi supportatori della causa delle famiglie GLBT, del movimento Black Lives Matters, della tutela dei diritti di tutte le minorities, dell'accoglienza di immigrati e profughi, del diritto all'aborto, per dirne solo un paio.
      Tu puoi tranquillamente venire qui a scrivere che i tipi omofobi che hanno urlato a mio marito e mio figlio hanno anche solo UNA giustificazione per il loro comportamento.
      E scherzarci.
      E trovarla una cosa innocua.
      Ovviamente, non aspettarti particolare supporto.
      E' come andare ad un raduno Vegan a lamentarti perchè i Big Mac sono troppo piccoli.

      Delete
    7. Ma che Amanda mi dica che sono una parente di una che ha avuto ... Ho dovuto cercarla ....a che fare con Berlusconi quindi una battona secondo te è un intervento che io posso accettare ? O l arroganza in genere che siano essi gay o messicani o italiani devo accettare che mi trattino male ? Che io preferisca uno come Trump che divorzia e si rifà una vita, piuttosto che una come Hillary che dopo il sex gare si candida col cognome del marito so che è politically correct per te ma non posso accettarla per me, io ti ho sempre ammirata come blogger moderata e non, da quando faccio home schooling poiché mio figlio mi ha dato validissimi motivi, non ho mai esteso a te che potessi tollerare nemmeno la metà della violenza sui bambini pur di portare a casa uno stipendio. E se continuo a leggere il tuo blog è perche ti considero una brava insegnante che mai coprirebbe la violenza ne permetterebbe che davanti ai suoi occhi accadesse. Ma la tua commentatrice mi ha insultata come parente di una prostituta, che poi la moglie del premier non sia miss Italia figurati se me ne importa come non importa a nessuno che mi hanno bloccata una giornata a Pompei perche Renzi portava un miliardo dell Europa che è andato sciupato in meno di un anno, si ho esagerato sulla parola racchia ma brucia vedere politiche sbagliate scuole sbagliate, bambini che si ammalano, e tanto strapotere indipendente mente da colore sesso e nazione lo strapotere rompe, non mi aspetto le scuse di colei che mi definisce parente di una che ha avuto a che fare con Berlusconi, forse è un complimento perché non tocca i bambini, a te le scuse le devo e te le faccio sentitamente. Forse non è una giornata bella neanche per me rendermi conto 4 anni fa che mio figlio che era affidato a maestre conosciute blasonate e in gamba mi porta a casa un disegno che mi rovina la vita per sempre, quando sento Renzi parlare della buona scuola mi vengono epiteti contro lui la moglie e chicchessia non saranno corretti ma non tutti i bambini hanno la forza di mio figlio di parlare e si ammalano si aggravano....hai davanti ....più o meno...una madre incazzata suo malgrado ma che collabora con criminologi associazioni e psicoterapeuti pur di cambiare le cose. Che poi ci siano testine del menga che hanno offeso tuo marito amico e figlio non mi accollo anche loro li ho sbagliato ad allineare un episodio nostro, ognuno ha le sue ragioni, quello aveva torto, la cattiva educazione ripeto o sei gay o etero è sempre sbagliata, che poi qualcuno ci abbia marciato sopra a colpi legali negli anni ha creato una macchina mostruosa, io ho trovato questo da qualsiasi categoria genere o continente provenga è mostruoso che qualcuno si additi più diritti e forza . per Amanda non importa le scuse non le voglio preferisco essere additata come parente di una che vende se stessa piuttosto che una che vende i bambini o permette ad altri di rovinarli senza muovere un dito. Grazie e credo che se ti leggero mi asterro dal commentare.

      Delete
    8. Alice, sinceramente penso che questa Micky sia una persona con troppo tempo libero e pochi stimoli che si diverte a prendere in giro, disturbare le conversazioni e scatenare polemiche inutili. Un troll, appunto. Questo per gli ovvi motivi che sono evidenti a tutti, (primo fra tutti l'inverosimile e totale mancanza di qualunque senso logico), ma anche se fosse reale quale persona capace di scrivere "almeno trump lavora e ha la moglie bona non una racchia", seguirebbe il tuo blog? Certo se è un troll è bravo, ci vuole talento per riuscire a tirare fuori un flusso di pensieri così caotico senza stancarsi. Notare pure la regolarità maniacale di spazi tra le parole, tanto per rendere ancora più agevole la lettura. ps: vista l'ammirazione per trump però mi sarei aspettata anche che fosse una fan di berlusconi.

      Delete
    9. Cara, don't dignify freaks rispondendo con il buon senso, soprattutto se sono così fuori che sembrano google translate, ubriaco. ;-)

      Delete
  6. Cara Alice sono d'accordo con te; magari Trump adesso addolcirà un poco le sue deliranti proposte e farà quello che tutti i politici fanno da che mondo è mondo, ossia promettere 100 e fare 10.
    Il problema lo hai centrato in pieno: tutti quelli che hanno ingoiato amaro durante gli 8 anni di Obama adesso si sentiranno legittimati a cacciar fuori la testa e saranno cazzi amari.
    In fondo è successo anche da noi quando neri e leghisti sono stati al governo, figuriamoci in USA.

    Dispiace smorzarti le speranze per le nuove generazioni: da sempre i giovanissimi sono idealisti, poi crescono e si guastano :(
    Molto probabilmente erano idealisti pure i 40enni che ieri hanno votato Trump e magari Bill Clinton 20 anni fa.

    ---Alex

    ReplyDelete
    Replies
    1. Alex, si si... infatti non temo tanto le politiche di Trump quando il branco di rabbiosi che sono usciti dalla gabbie!! IL tuo ragionamento sulle nuove generazioni purtroppo potrebbe essere vero... ma confido che in 4 anni a sti ggiovini gli resti appiccicato addosso ancora un po' di senso civico e tolleranza! :)

      Delete
  7. Alice, già sai che ti sono vicina. Più leggo i commenti di chi dice che se non vivi in Italia non capisci o che in genere non capisci perchè non concordano con le tue opinioni, più mi rendo conto di quando stiamo affondando nelle paludi della tristezza della storia infinita. Io sto per fare la fine di Artax. Forse la storia ad alcuni l'hanno insegnata diversamente, o forse avere avuto il nonno partigiano deportato ad Auschwitz mi rende particolarmente sensibile a quelli che paiono essere i capri espiatori di tutti i problemi del giorno d'oggi per alcuni... fatto sta che io di muri che abbiano fatto del bene non ne ho mai visti, ne tanto meno di persecuzioni/discriminazioni contro gruppi e minoranze (protette???). A questo punto, comunque, più che Trump mi fa paura che tutto sia in mano ai republicani e che ci sia una valanga di gente che è ultra conservatrice che è stata proposta per i gabinetti. Insomma, spero di vederla più tragica di quello che è e comunque spero ancora nella restistenza dei cittadini che hanno studiato la storia che abbiamo studianto noi che ancora non ci facciamo una ragione di questa elezione.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Spicy, già sai che ci capiamo :) E' tutto grigio e un o' incerto e molto pauroso... ma una delle cose notevoli degli USA è la capacità dei cittadini di organizzarsi e rispondere... io conto su quella.

      Delete
  8. La cosa peggiore che ha legittimato ignoranza, xenofobia ed arroganza. La cosa che preoccupante è che ci si riconoscono a legioni (fuori dalla Califorbia e NY State)

    ReplyDelete
  9. Ma da quelle parti invece nessuno si fa delle domande su un sistema elettorale che permette che il candidato che complessivamente prende più voti possa perdere? Era successo anche tra Al Gore e Bush... Mi sembra un sistema alquanto macchinoso e non molto democratico

    ReplyDelete

edddaì, blatera un po' con me!