Wednesday, November 16, 2011

ritorni

E fu il ritorno.
Dopo 3 giorni di sole, venticello e arietta californiana, Alice e le altre 7 maestrine sono planate nuovamente a niu iorc dopo un volo red eye (presente quei voli notturni dove sali a mezzanotte, perdi il senso del tempo, non riesci a dormire e poi finisci in un mondo dove sono già le 8 del mattino e tu non sai che fare della tua vita? Ecco, uno di quelli). Ad aspettarle un po' di pioggerellina e un sonno che più che sonno era il principio di un coma.

Alice ha incontrato nuove facce amiche, chè ha visto sia Marica&Marito che Valeria&Strazioman&Mia in treddì, e ne è proprio valsa la pena, e grazie ancora per le chiacchiere (e gli sfoghi sugli ammericani da vecchia zia brontolona che le son scappati durante il pomeriggio) e se venite di quà guai a voi se non vi fate vedè!

Poi ha fatto in tempo ad andare fino alla spiaggia per pucciare i piedi nel mare, e visto che la temperatura dell'acqua era più o meno quella del pack artico sul bagnasciuga c'erano solo lei, 4 gabbiani e una coppia di giovani morosi mano nella mano troppo impegnati in romanticismi per rendersi conto dell'imminente ipotermia.

Poi per il resto è stata immersa nella Super Scuola Super-Reggyo, una sorta di Paradiso del Nano, ma non vi tedierà con pipponi educativi e metodologie di documentazione che già lei sta facendo fatica a digerire il tutto e ha le ultime 5 ore di conferenza che le salgon su come la peperonata.

Però una cosa ci tiene a dirla.
Alla scuola c'era la figlia di questa qui:
Dai che Desperate Housewives c'è pure da voi.
La suddetta nana fa parte di un gruppo che si interroga sui capelli (Oh, che detta così sembra chei  nani di 4 anni giocano a fare le parrucchiere, ma in realtà la cosa era parecchio interessante, ha a che vedere con l'idea di genere e con l 'osservazione delle singole parti del volto ma vabbè...) e  quando vede Alice, con il suo fungo atomico in testa, unico adulto all'interno della scuola che non sfoggia una chioma lunga fino ai fianchi, la scruta per circa 3 minuti prima di alzarsi, piantarle gli occhi addosso e chiedere: "Are you a boy or a girl?"

E con questo, la già rattoppata percezione di sè come donna sensuale e provocante crolla ai minimi storici. Che poi, dai, ma l'hai vista la mascella di tua madre?!

Alice Californizzatrice

10 comments:

  1. Non dare troppi appuntamenti a niu iork che poi tanto tiri dei bidoni terribili! :-D

    ---Alex

    ReplyDelete
  2. Alex :D Nah! Non essere geloso, quelli li tengo tutti in serbo per te :-P

    ReplyDelete
  3. ma i tuoi capelli sono bellissimi!!!

    buuuh alle donne californiane con i capelli biondi lunghi e fluenti e lisci, buuuuhhhh :-)

    eh si, speriamo di venire a trovarti!

    ReplyDelete
  4. Si che non si capisce come le donne californiane abbiano ancora dei capelli visto i cani di parrucchieri che hanno ( a meno di non avere di miliardi da spendere per rifarsi la cupiglia...)

    ReplyDelete
  5. ma che simpatica e deliziosa bambina :P

    ReplyDelete
  6. Io porto i capelli corti, cortissimi, e non porto mai la gonna e quando dico mai voglio dire che l'ultima volta che mi hanno praticamente costretta a indossarne una ero ancora negli enti... ora sono quasi agli anta quindi... ok calcolo anagrafico a parte.
    Un giorno rientrando dal lavoro(quando ancora ce lo avevo!) incrocio uno dei pargoletti dei vicini che mi fissa, io lo saluto e lui: Ma te sei maschio o femmina?
    Tolto che non penso proprio di avere un aspetto mascolino... però il capello corto l'assenza di trucco e gonna al piccolo sono parsi sufficienti per avere dubbi.
    E no, non cambierò taglio di capelli ne comincerò a portare la gonna. Posso sopravvivere, soprattutto lui sopravvivrà! :-D

    ReplyDelete
  7. ma te eri deforestata ?
    felice di riaverti .....e dai dacci i presiosissimi consigli californiani....poggio l' orecchio sullo schermo....

    ReplyDelete
  8. Ma te lo hanno detto che era la figlia di questa o l'hai riconosciuta dalla mascella?

    ReplyDelete
  9. i bambini sanno essere spietati -.-'

    ReplyDelete

edddaì, blatera un po' con me!