Wednesday, January 7, 2015

parole, parole paroole...

Dunque, al momento lo Gnomo cresce in una babele di lingue:
- Alice e il Grinta gli parlano in italiano.
- La tia, che vede tutte le settimane, gli parla in spagnolo.
- In giro per strada parlano francese (cioe' i primi 10 mesi attorno aveva l'inglese, poi per 3 mesi l'italiano e ora le fransé) (ma al mercato lo salutano i arabo) .
- La maggior parte dei libri per bambini presenti in casa sono in inglese, e le canzoni e filastrocche che vengono in mente ad Alice nella maggior parte dei casi sono quelle in inglese che cantava a scuola, quindi ascolta storie e canzoni nella lingua degli Yankee con un potente accento italico.

Come conseguenza, lo Gnomo, Bastian Contrari di professione, parla Vietnamita e Malese, inanellando suoni che NON esistono in nessuna delle 4 lingue da lui sentite.

Al momento ha la tendenza alla metonimia, ed utilizza MAMMA per indicare:
Alice (e quando la chiama ha il tono di un omone di 16 anni, bergamasco, che non trova le sue scarpe da ginnastica)
Il Grinta (e quando lo chiama ha il tono di una ragazzetta innamorata e cola miele e melassa da ogni sillaba) (Poi si corregge da solo e lo chiama Baba. Perche' piuttoso che dirlo in Italiano, Inglese, Francese o Spagnolo lui si da' al Polacco e alla Swahili)
Qualsiasi essere umano di cui vuole attirare l'attenzione.

Apprezza le onomatopee, ma pure a quelle tende ad aggiungerci un tocco personale, tipo MíGgNOOU sarebbe il gatto e BA!, urlato con una faccia da Jack Nicholson in Shining, il cane.

Dice OH OHH con tono preoccupato quando qualche catrastrofe apocalittica si abbatte su di lui (tipo sa ha finito l'ultimo biscotto, o si e' tolto una scarpa e l'ha nascosta dentro la Fossa dell Marianne, da cui ricomparira' solo dopo 1 settimana, a sorpresa, materializzandosi nel mezzo della cucina) e possiede una complessa serie di miagolii e stridii con cui veicolare i diversi livelli di pessimismo e fastidio che lo attanagliano.

Ha una passione per due peluche di Panda che limona con intensita' e focosa passione ogni giorno per almeno mezza giornata, e che pero' chiama con un suono assolutamente impossibile da trascrivere (forse nell'alfabeto cirillico?).

Si siede, apre i libri e li sfoglia lentamente,  puntando il dito e declamando robe in aramaico, (probabilmente fa anche tutta una serie di battute e di sagaci giochi di parole perche' spesso ride da solo soddisfatto).

E poi c'e' lei, la prima VERA parola.
Perche' ci sono bimbi normali che dicono robe tipo nanna, cacca, pappa, ciao...
E poi c'e lo Gnomo.
Che dice: gnägnøiino.
Voi lo sapete cos'e' un gnägnøiino?
Venite avanti se, come Alice, pure voi possedete il codice per la Decriptazione Gnomica!

Soluzione: MANDARINO. Ovvero la nuova droga pesante delle Gnomo.

 Alice linguistizzatrice

P.s. E comunque, qui gia' abbiamo messo in conto che la prima frase di senzo compiuto dello Gnomo sara' una roba del tipo: "ma chi vi capisce?!", pronunciata verso i 4 anni emmezzo.

P.p.s. Durante il soggiorno italico si è aggiunta, nel vocabolario gnomico-italiano / italiano-gnomico, la voce BABUMBA. Dicesi babumba lo zio grande gigante gentile, il fratello 18enne di Alice. Il nome deriva dalla tendenza ossessivo-compulsiva dello zio di nascondersi in anfratti e zone scure per poi saltare fuori all'improvviso tuonando, appunto, BABUMBA. Cosa che faceva partire le coronarie di Alice e della Mater (ed oltre alle coronarie partivano anche bestemmie e soprannomi originali), ma solleticava la complessa ironia gnomica, visto che il ragazzino si spanciava fino a cadere indietro come un birillo.




9 comments:

  1. Ignoro lo gnomico, ma il tuo post mi ha ricordato questa cosa, letta un paio di mesi fa.
    (Anche se è di parecchio prima)

    http://pwfc.org/wordpress/?p=867

    E niente... dovevo dirtelo. ^_^

    ReplyDelete
  2. Leggevo appunto che il cervello umano non è fatto per parlare una lingua solamente... tiè! Eccone la dimostrazione viva e parlante! ;)

    ReplyDelete
  3. 😂😂😂 mi hai strappato un sorriso
    Forza e coraggio...il mio secondogenito, 3 anni appena compiuti, parla pochissimo in uno strano mix italo-inglese-thai e come si arrabbia quando non lo capisco!
    Forse cagnolino?

    ReplyDelete
  4. This comment has been removed by the author.

    ReplyDelete
  5. L'orario dei commenti e forse anche del blog è ancora sul fuso orario di broccolino.
    Ti volevo lasciare gli auguri, ma risulta ancora postato l'otto.

    E invece è già il nove. ;-)
    Va beh... buon compleanno.


    ReplyDelete
  6. Rabb-it ahahaa! Ci manca solo pure il linguaggio dei segni (che comunque, sebbene un po' a caso e arbitrariamente, usiamo!)

    Boston: buona assonanza, ma no... Più che di materia fecale, si tratta di libagioni qui, che lo Gnomo solo a quello punta!
    Sabina ahaha! Sicuramente anche il tuo Teg non sarà da meno!!

    Mamma in oriente :-D allora in bocca al lupo con il tuo poliglotta! Mi consolo sapendo che pure ill tuo bimbo parla criptato!
    E no, niente cagnolino... Quello, indipendentemente da razza o dimensioni, e sempre e solo BA!

    Carolina :-D

    Rabb-it! Grazie mille! Tu sei il mio calendario vivente!! :-D

    ReplyDelete
  7. Evvero buon compleanno aliceee!!!!
    Penzavo, ma la lingua irlandese... Prova a cercare, magari risolvi tutto con con un bel dizionario illustrato dai monaci irlandesi:-))))) baci otiti a tutti

    ReplyDelete

edddaì, blatera un po' con me!