Friday, October 4, 2013

Ciambella

Un giorno a settimana il Grinta resta a casa con lo gnomo ed Alice viene sguinzagliata per la città.
Dopo 6 giorni e 6 notti di amore e follia con lo gnomo, dove va Alice l'insonne nel suo giorno di de-gnomizzazione?
A sbattere i coperchioni in metropolitana?
A farsi un brunch e sfondarsi di bloody mary?
A diventare un po' meno bestia e a farsi un giro in un museo?
Ad assaltare la prima libreria che trova?

NO.
Nulla di tutto ciò.
Alice lascia lo gnomo e va alla scuoletta, dove l'aspettano 30 nani disperati e moccolosi nuovi di pacca.
Lasci 1 prendi 30. Roba che manco nei migliori discount, gente!
Perchè quest'anno, complice anche la "maternità"(cioè lo stare a casa non pagati eh, ricordiamocelo!), non le hanno permesso di perseguitare i "suoi" nani, quelli dell'anno passato, seguendoli nella classe dei trenni.
Quindi riparte con un nuovo giro e una nuova corsa,  ovvero due classi di duenni. E visto che questi sono piccoli, ed è l'autunno, e cadono le foglie, e si fanno gli inserimenti e tutti si trappano i capelli, Alice una volta a settimana va a far vedere il suo brutto muso e offrire un paio di extra braccia consolatorie. E poi così lei e questa folle trentina cominciano a conoscersi, ad annusarsi e a squadrarsi un po', sennò quando rientra a fine novembre son traumi...

L'anno scorso aveva elargito le non richieste Regole per la Vittoria, ovvero come fare per evitare  un attacco di alopecia da stress durante l'inserimento del nano...
Quest'anno ne aggiunge una.
Ne aggiunge una perchè tu, Oh, santa, santissima madre, gliela tiri fuori. Perchè my dear, lo sappiamo che la vita moderna è frenetica, che la moda è bizzarra, e che stiamo nella città che non dorme mai.
Però, mon cherì, se tu mi porti all'una del pomeriggio una nana duenne a cui non hai dato da mangiare perchè "non ho fatto in tempo a prendere la pizza, sai, lei faceva casino", una nana vestita con le calze di lana e il vestito di lana grezza a collo alto e maniche lunghe quando fuori ci sono tra i 25 e i 29 gradi (disidratazione portami via), quando mi porti una nana che "oggi boh, non ha dormito non so che ha, vabbè io vado eh, non è che puoi prendermela già qui all'ingresso, così non devo venire fin dentro la classe? Grazie cia cia... "... a me cadono le braccia.

Quindi nuova Regola: Depositare all'entrata nani sfamati, DISSETATI e possibilmente non vestiti da sherpa tibetani quando fuori tira lo scirocco, grazie.

Lei è nuova nuovissima e la chiamiamo Ciambella. E' enorme, Alice non ha MAI visto un nano così grande, ed ha il peso specifico del plutonio.Quando l'ha tenuta in braccio per i primi 5 minuti, mente urlava tutto il suo disappunto (e molto altro),  le vertebre di Alice le si sono incassate come il soffietto di una fisarmonica. Quando le ha levato la calzamaglia di lana (fradicia di sudore) ha rivelato la presenza di ginocchia così grandi da far fatica a piegarsi. Ha occhi blu all'in sù e boccoli biondi (sudatissimi). Ha determinazione da vendere, un piglio da capitana, un ugola che perfora e quando piange può raggiungere un colorito rosso mattone.  Ha una grande passione per le bolle di sapone, per il ballo (balla come se fosse al carnevale di Rio!)... E per i pezzi di mela che Alice ha trafugato e clandestinamente condiviso con lei.

 Alice ciambelliatrice

15 comments:

  1. Oddio! Mi hai ricordato la bimba dei miei vicini svedesi... A quattro anni non riuscivo a sollevarla da terra e mangiava di tutto..sempre.

    ReplyDelete
  2. Certo che noi insegnanti conosciamo una varietà umana incredibile! La mamma della bimba è a livello di telefono azzurro.
    P.S. Mi dispiace che la maternità non si retribuita, non lo trovo giusto. Le nuove mamme non devono mangiare?

    ReplyDelete
  3. bentornata tra i nani :-)

    [alice e i 30 nani]

    ReplyDelete
  4. Forse tutta quella lana serviva a nascondere le ginocchia grosse! ;)

    ReplyDelete
  5. Certo che non è proprio una giornata di evasione!

    ReplyDelete
  6. Adesso tocca a te fare l'inserimento all'asilo, non piangere quando lasci il tuo figlioletto e soprattutto non piangere durante la giornata. E credo che sia faticoso.
    Ho letto anche le regole di Alice inseritrice e le buone eccezioni ci sono. Ma ti è capitata mai una bimba come mia figlia, che il primo giorno d'asilo dopo mezz'ora scarsa manda via la mamma (testualmente "mamma, va via") e che ti dice "andiamo a scuola per favore" quando l'estate la scuola è chiusa? Ok, si può dire, "che culo"

    ReplyDelete
  7. This comment has been removed by a blog administrator.

    ReplyDelete
  8. Anche all'asilo della mia SantaMaria quest'anno i piccoli sono particolarmente disperati per il distacco dalle mamme...sarà una questione di annate? Per la mamma di ciambella io chiamerei Jo Frost!

    ReplyDelete
  9. oddio detergiti accuratamente quando torni a casa dal " nostro nano da giardino " che chill è delicat !
    microbi della metro, virus dei nani state lontani macumba macumba !
    cmq ci siamo consumati i diti a cliccare su sto blog, ti eleggiamo mamma blog dell' anno, e mi viene da piangereee

    ReplyDelete
  10. Un po' di coccole sparse ai 30 nanerottoli che ti hanno a disposizione solo una volta a settimana. Oh son disgrazie eh non averti lì 5 giorni su 7!



    E una montagna di coccole tutte per voi tre.

    ReplyDelete
  11. grande aliscia, cercavo giusto il post dell'anno scorso per mandarlo a una mia amica che sta facendo l'inserimento. me lo ricordavo ancora perche' era bellissimo! ora gliel'ho mandato, speriamo che le indichi la strada verso la salvezza. baci!

    ReplyDelete
  12. E grazie che c'ha i boccoli sudati con tutta quella palandrana addosso!!

    Povera ciambella

    ReplyDelete
  13. alice e naviganti tutti consiglio cercasi
    sono una non viaggiatrice che sta per viaggiare mi dareste delle dritte please ?
    una compagnia aerea buona
    e se si possono imbustare i vestiti nella valigia stipandoli nelle sacche senz' aria o se fanno casino alla dogana, grazie a tutti se vorrete consigliarmi ciazie

    ReplyDelete

edddaì, blatera un po' con me!