Tuesday, June 7, 2016

Paganini e Pappalardo

Lo Gnomo è uno che canta tanto, ma mai a comando. Non appena Alice inizia una frase con: " Me la canti...."  Lui la guarda disgustato, tira fuori il sopracciglio scettico e se è di luna buona risponde NOooo sennò manco quello, se ne va dando le spalle come un Paganini offeso.
Alla festa della scuola, tutti i bambini cantavano assieme.
Alice si immaginava già il tutto, con lo Gnomo a fare la statua del pensatore imbronciato di Rodin, immobile e muto, impagnato al massimo a scandagliare la folla con sguardo diffidente. Se non addirittura lottando con la maestra per levarsi dal palco e tornare a farsi i fatti suoi in pace con i pesci di plastica.

Invece no.
Invece lo Gnomo alla festa della scuola era come quell'alpino ubriaco che c'è sempre in tutte le feste di paese, che urla il ritornello con quanto fiato ha in gola. Ma quando la canzone è finita.


Alice deve assolutamente sapere quale sostanza psicotropa le maestre gli han messo  nella torta allo yogurt. E poi ne vuole un pacco formato famiglia.


 Alice invece, come previsto, piangeva. Tra l'altro Alice piange a qualsiasi recida di fine anno, pure a quella di perfetti sconosciuti... Le basta vedere un gruppo di bambini assieme con una parvenza da cerimonia che le monta su tutta una roba di malinconia e ansia e dolcezza e di "Oddio, ma sono loro, sono gli uomini e le donne del domani!" ( e poco importa se gli uomini e le donne del domani si stanno mettendo le dita nel naso, hanno lo sguardo vacuo di una triglia confusa o stanno tirando calci al vicino). Ci potrebbe affogare dentro, un po' triste e un po' contenta e un po' sconvolta, in questa cosa banalissima delle generazioni che passano, che la fanno sentire come una tartaruga che naviga dal 1870. E poi c'è che lei li guarda e lo sa che diventeranno grandi e avranno la barba e le tette e degli amici e dei viaggi e dei casini... Mentre loro no. Loro stanno lì a scaccolarsi ingenui e non ci pensano, che giovinezza si fugge.
Quindi Alice piangeva. Ma questa volta non tanto per materna commozione (ha poi singhiozzato e smoccolato quando hanno dato i diplomi ai bimbi grandi, soprattutto quando è stato il turno della bimba che ha dichiarato "Io devo fare la pipì") quanto  perchè non riusciva a smettere di ridere alla vista dello Gnomo, da sempre algido e discreto, traformato in un Pappalardo avvinazzato.

Alice piangitrice

14 comments:

  1. Secondo me è affetto dal sacro fuoco del palco.
    Diventerà un attore!

    ---Alex

    ReplyDelete
    Replies
    1. Se segue le impronte della famiglia biologica... di sicuro! :)

      Delete
  2. Non riesco a togliermi dalla testa l'immagine dello Gnomo con cappello con la piuma e camicia a quadri. Credo sia una visione profetica.

    Robi

    ReplyDelete
    Replies
    1. gli mancava la piuma... ma compensava con naso rosso e risata sguaiata!

      Delete
  3. piccoli bambini che diventano bambini grandi :-)
    al mio tocca domattina!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Come è andata??? Come è andata?? :)

      Delete
  4. :O blogger si è mangiato il mio commento di ieri, dicevo che adoro i pappalardi avvinazzati

    ReplyDelete
    Replies
    1. :-) Blogger mangione... forse piacciono pure a lui i pappalardi ubriachi!

      Delete
  5. Sti nani ci sorprendono sempre, é questa la veritá! La mia, che piú diffidente di com'é non potrebbe essere, alla prima recita di scuola (due anni e mezzo) sculettava come Ether Parisi e io che mi ero immaginata tutt'altro scenario ridevo e piangevo come una Gretina!
    Solidarietá sorella ;)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ahahaha!! Ti passo un fazzoletto virtuale :)

      Delete
  6. Replies
    1. :) Meriterebbe... ma è impossibile senza pubblicare le facce di tipo altri 60 bimbi, mannaggia!

      Delete
  7. Come ti capisco, Alice! Lunedì pomeriggio lamia nanerottola e i suoi compagni quasi treenni si sono "diplomati" al nido e io, a vederli lì, con le coroncine di cartone e i diplomi colorati realizzati dalle loro maestre, mi sono commossa e ho pianto mezz'ora...preoccupando la mia pargola che cercava di consolarmi dicendomi:"ma dopo mangiamo la torta, mamma! Non sei contenta?" :)

    ReplyDelete

edddaì, blatera un po' con me!