Saturday, April 23, 2016

Un Autobus chiamato "ma'ndo'vai"

Niente treni per tornare alla Toperi' oggi, tutto e' chiuso per lavori in corso.

Evabbe', si sapeva, succede ormai da 2 weekend.

Allora si cerca il bus sostitutivo.
Si trova il bus, con davanti gli omini-rossi (gli umpa-lumpa dei trasporti parigini) che dicono:
"Per il il tuo paesello non c'e' NULLA, perche' c'e' pure la maratona... e' tutto deviato, la navetta sostitutiva ti lascia 2 paeselli piu' in la', poi cammini, o corri, insomma, ti arrangi, perche' le strade sono tutte chiuse ed e' un casino..."
Ok.

Prendi e si parte con una navetta autobus stipata e appiccicaticcia.
Ora, Alice non e' mai stata coccinella agli Scout, ma sa che la Senna il paesino ce l'ha sulla sinistra, e quando vede il bus che dritto come un fuso passa dall'altro lato del ponte un po' vacilla, perche' va bene camminare o correre, ma nuotare ecco, magari anche no...
Si leva un mormorio tra i viaggiatori, ora siamo tutti altri 5 chilometri piu' lontani dalla meta.

E poi l'autista si ferma.
Ad una pensilina a caso.
In un paesino che Alice conosce ma che non ha nulla a che vedere con dove dovrebbero essere.

E poi l'autista si alza, si volta, guarda in faccia i suoi passeggeri e chiede:
"Qualcuno sa come arrivare a Paesino-di Alice?"
Risate e sgomento.
L'autista si e' perso.

Con le indicazioni di un vecchietto e di un tizio con un gps il bus fa una strepitosa inversione a U, riparte e dopo un paio di svolte sbagliate (gemiti e ulteriori suggerimenti da parte dei passeggeri) si rimette sulla retta via.
La situazione e' talmente anarchica che quando stanno passando vicino alla Toperi', e Alice chiede alla autista di aprire la porta, quello ferma tutto e la fa scendere.
Depositata sotto casa.
Alla faccia della maratona e della stazione chiusa.
Chissa' poi dove e' andato, il bus navetta vagabondo...

Questo pezzetto di surrealta' e' gentilmente offerto dalla SNCF e dagli abitanti della banliu'... Rodari sarebbe fiero di noi.

Alice smarritrice


9 comments:

  1. Incredibile esistono anche i parigini gentili !!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. No. Sono quelli della banliu' che sono gentili!! ;)

      Delete
  2. l'autista che sbaglia percorso succede anche a Padovella con Amanda a bordo e giuro non c'erano né lavori in corso né maratone, per fortuna Padova è la capitale della rotatoria alla francese(e senza essere in Francia bada)così dopo le urla dei passeggeri che pensavano di essere dirottati su Cuba, abbiamo fatto un paio di girotondi e siamo tornati sulla retta via. In realtà l'autista si è finto smarrito per portare Alice sotto casa essendone rimasto folgorato

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ahaha! Visto quanto era sperso il nostro autista avrebbe potuto arrivare a Padovella pure lui! (Alice era piu' stropicciata del solito, bagnata come un pulcino e con un umore tetro che manco un branco di unicorni avrebbe potuto colorare... ma le disavventure buffe la aiutano a sdrammatizzare ed e' arrivata a casa piu allegra!)

      Delete
  3. ci mancava che, che ne so, cominciasse a volare, e sarebbe un film di Gondri ...

    ReplyDelete
  4. A me una sera il bus ha fatto una deviazione per depositarmi vicino al métro. Ero carica come un mulo stavo traslocando. Gli autisti RATP possono essere mitici, nei due sensi. Per questo quando scioperano sono solidale. Stanno difendendo qualcosa di essenziale.

    ReplyDelete

edddaì, blatera un po' con me!